Genova, il Festival della Scienza torna in presenza. Si parte il 21 ottobre

di Alessandro Bacci

La diciannovesima edizione vuole tornare alla normalità con un ricco programma dedicato alle scuole sia in città sia in streaming

Genova, il Festival della Scienza torna in presenza. Si parte il 21 ottobre

Un ricco programma per le scuole che, insieme al palinsesto online inaugurato l’anno scorso, torna fruibile anche in presenza. Il Festival della Scienza, in calendario a Genova dal 21 ottobre al primo novembre 2021, si prepara alla diciannovesima edizione e lancia le prime novità sull’offerta dedicata alle scuole, pubblico che da sempre rappresenta il cuore della manifestazione. Dopo l’edizione 2020, gli studenti tornano quindi ad animare i luoghi del Festival e a popolare i laboratori e le mostre, organizzati nel totale rispetto delle normative vigenti e con una grande attenzione alla sicurezza. Per la prima volta il programma online per le scuole, usufruibile dalle classi di tutta Italia, si estende oltre la durata della manifestazione, fino al 12 novembre 2021

"Una grande attenzione alla sicurezza e un passo verso la normalità – spiega il presidente del Festival della Scienza Marco Pallavicini – in questo nuovo Festival che vuole tornare ad accogliere una parte fondamentale del suo pubblico, le scuole. Il nostro obiettivo per l’edizione 2021 è quello di offrire un Festival il più possibile completo e di farlo in totale sicurezza. Per questo, riapriamo laboratori e le mostre alle scolaresche, visitatori di cui abbiamo sentito la mancanza nella scorsa edizione. Accanto alle attività in presenza, si rafforza e arricchisce il ventaglio di proposte online, con laboratori condotti dai nostri animatori scientifici, incontri con ricercatori e visite guidate virtuali ai laboratori degli enti di ricerca più importanti, che docenti e studenti potranno seguire dalle classi di tutta Italia". 

I programmi completi degli eventi in presenza e del palinsesto online sono consultabili sul sito www.festivalscienza.it, mentre il call center per le prenotazioni sarà attivo a partire da lunedì 4 ottobre 2021. Il programma online, inaugurato durante la scorsa edizione con “La scienza va in onda” per permettere agli studenti di vivere il Festival nonostante l’impossibilità di partecipare fisicamente, quest’anno si arricchisce grazie alla collaborazione con Orientamenti. "Siamo convinti che il Festival della Scienza sia anche un momento di orientamento che pone un accento particolare sulle materie scientifiche per i ragazzi, ma soprattutto per le ragazze. - dichiara l’assessore alla Cultura e alla Scuola di Regione Liguria Ilaria Cavo – È importante intercettare i nuovi fabbisogni delle aziende e c’è un dato che occorre assolutamente far crescere: su 100 studentesse iscritte all’Università solo 18 frequentano corsi Stem legati alle discipline tecnico-scientifiche, ossia quei corsi che abilitano alle competenze che sono sempre più richieste dal mercato del lavoro. I dati di Unioncamere a livello nazionale prevedono nei prossimi cinque anni la necessità di circa 900mila persone formate in ambito Stem. Ecco perché i progetti di Regione Liguria dedicano molta attenzione alla promozione di questi percorsi e anche il Pnrr si muove in questa direzione".

IL PROGRAMMA PER LE SCUOLE IN PRESENZA E ONLINE: I NUMERI

La parte per le scuole in presenza si articola in 15 mostre e 40 laboratori, allestiti tra Palazzo Ducale, Palazzo della Borsa, Piazza delle Feste, Blue District, Palazzo Reale, Biblioteca Universitaria di Genova, Galata Museo del Mare, Biosfera, Museo di Storia Naturale Giacomo Doria, Castello d’Albertis, Orto Botanico e Villa del Principe. Sul sito del Festival della Scienza saranno a breve comunicati i dettagli sugli orari di accesso. Torna inoltre nei giorni del Festival il progetto “Scienziati nelle scuole”, con importanti nomi del panorama scientifico che visiteranno alcuni istituti scolastici genovesi.

L’offerta digitale conferma la formula vincente dell’anno scorso e offre tre tipologie di eventi: 10 digitalk, incontri virtuali in cui ricercatori scientifici si raccontano, 35 digilab, laboratori interattivi condotti dagli animatori del Festival, e i 15 digitour, visite guidate virtuali all’interno dei centri di ricerca, per scoprire come funziona il mestiere del ricercatore. I contenuti degli eventi, progettati e realizzati con il supporto dei principali enti di ricerca italiani ed europei e delle più consolidate associazioni di divulgazione scientifica, sono rivolti a una fascia scolastica molto ampia: dalla scuola primaria alla scuola media superiore.  

Il programma online per le scuole, che andrà dal 21 ottobre al 12 novembre 2021, è realizzato anche grazie al contributo di Fondazione Compagnia di San Paolo, primo sostenitore del Festival della Scienza.