Condividi:


Genova, Fiori e la maglietta del Genoa per l'addio a Alfredo Biondi

di Alessandro Bacci

In tanti per l'ultimo saluto, il ricordo di Onofri: "Mi fece i complimenti, disse che avrei dovuto fare l'avvocato"

Una corona di fiori della Camera dei deputati e una maglietta del Genoa consegnata ai familiari dai dirigenti della squadra di calcio hanno dato l'ultimo saluto all'ex ministro Alfredo Biondi, decano dei liberali italiani e tifoso rossoblu stamani nella parrocchia di San Pietro, a Genova. Presenti alla cerimonia funebre oltre alla moglie e alla la figlia dell'avvocato, segretario nazionale del vecchio Pli, già parlamentare, vicepresidente della Camera e per tre volte ministro, i dirigenti di Forza Italia, a partire dal coordinatore regionale e sindaco di Rapallo Carlo Bagnasco, i deputati Roberto Cassinelli e Roberto Bagnasco, il segretario di presidenza della Camera per Leu Luca Pastorino ed esponenti di altre forze politiche, alcuni protagonisti dell'avvocatura genovese e l'astronauta Franco Malerba.

E oggi è arrivato anche il ricordo si Claudio Onofri con un post su Facebook: "Andammo insieme a Firenze per un processo assurdo contro Silvano Martina e mi volle come testimone...dopo dieci minuti di arringa capii subito che non c'era storia avevamo gia vinto...poi mi chiamo' a parlare e dissi tra il serio e il faceto che la responsabilità dell'accaduto (incidente ad Antognoni) era mia perché ero piazzato male e avevo costretto Silvano ad un uscita spericolata...tornando a casa in macchina ridendo mi fece i complimenti dicendomi che appena smettevo di giocare avrei dovuto intraprendere la carriera di avvocato...Grande personaggio, carismatico, intelligentissimo e piacevole fare chiacchierate con lui di tutto e di più...r.i.p Alfredo io per il poco che ti ho conosciuto ti ho voluto bene !!!"