Genova, Bucci: "Fossi il Pd candiderei me stesso. Facciamo un governo Draghi al pesto"

di Alessandro Bacci

Il sindaco scherza ma poi analizza: "Vorrei un avversario forte e in gamba. Non si parla più di decrescita felice e degrado: parliamo di crescita"

Genova, Bucci: "Fossi il Pd candiderei me stesso. Facciamo un governo Draghi al pesto"

"Fossi il Pd, sceglierei il sottoscritto come candidato, ci mettiamo tutti d'accordo e facciamo come il governo, facciamo un governo Draghi al pesto". Il sindaco di Genova, Marco Bucci, a margine della presentazione dell'anno accademico, risponde con una battuta alla domanda su quale avversario preferirebbe per le prossime elezioni amministrative.

"Vorrei un avversario forte e in gamba - dice - non abbiamo bisogno di uno che parte per non vincere perché così c'è un dibattito importante tra candidati forti. Candidati che vogliono contribuire alla visione di città, fatto sulle cose da fare e non sulla demolizione delle cose realizzate. Noi non andiamo a demolire ma andiamo a costruire - ha concluso -. Non si parla più di decrescita felice e degrado: parliamo di crescita. La città sta crescendo e dobbiamo continuare a fare una campagna elettorale dove i candidati dibattono su come si fa a crescere, non su come si fa a demolire l'altro candidato perché questo è tempo buttato via".