Europei, arriva la decisione: l'Italia non si inginocchia contro il razzismo

di Alessandro Bacci

Contro l'Austria gli Azzurri resteranno in piedi. Con il Galles solo cinque giocatori avevano aderito al movimento Black Lives Matter

I giocatori dell'Italia resteranno tutti in piedi. Gli Azzurri non si inginocchiano contro il razzismo in segno di solidarietà al al movimento Black Lives Matter contro le discriminazioni. Un modo per evitare la confusione che si era creata col Galles, quando solo cinque Azzurri si sono inginocchiati. L'Italia ricompone la linea scegliendo il comportamento da adottare.

Sulla scelta ha pesato anche il confronto tra gli stessi giocatori che dopo un faccia a faccia hanno preso insieme la decisione. Leonardo Bonucci in conferenza stampa dovrebbe spiegare oggi le motivazioni della scelta. Per inginocchiarsi al fischio d'inizio una delle due squadre deve chiedere l’autorizzazione preventivamente all’arbitro, ma domani a Wembley il problema non si porrà. Nè Italia nè Austria hanno fatto richiesta