Tags:

da telenord

Tanti auguri al cardinale Angelo Bagnasco

di Paolo Lingua

Compie 77 anni il presidente della Cei europea, Arcivescovo Metropolita di Genova

Tanti auguri al cardinale Angelo Bagnasco

E’ con grande piacere che oggi Telenord porge i suoi auguri al Cardinale Angelo Bagnasco, Arcivescovo Metropolita di Genova in occasione del suo 77° compleanno.

Angelo Bagnasco, come tutti sanno, per le sue condizioni di salute e per il suo dinamismo, ha avuto dal Papa Francesco due anni di proroga, dopo i 75 anni come prescrive il Diritto Canonico, per la reggenza dell’Arcidiocesi. Ed è tutt’ora, ancora per un anno presidente della Cei europea, dopo essere stato per molti anni presidente della Cei italiana.

E’ probabile, anche se non è del tutto sicuro, che con la scadenza di questo incarico lasci, dopo una ulteriore proroga, anche l’incarico a Genova. Prudente, equilibrato, sereno e lucido, il cardinale Bagnasco, genovese come indica il suo cognome, è stato un profeta in patria (come Giuseppe Siri e altri presuli che hanno retto Genova nel XIX secolo) che ha sempre puntato a costruire e a mediare e ad evitare sia nel mondo dei fedeli, sia in quello del clero, scontri e rotture. Ha sostenuto il mondo dei deboli e dei poveri; avuto un forte impegno sui problemi e del mondo del lavoro; è stato un testimone attivo e sollecito in tutti gli eventi calamitosi dalle alluvioni al crollo del Ponte Morandi.

Anche se, al momento della sua elezione non era etichettato tra i fautori più entusiasti di papa Francesco, è stato proprio il pontefice, che ne ha apprezzato la saggezza e l’equilibrio, a puntare sulle sue capacità, volendolo alla delicatissima carica della presidenza della Cei sino al limite di età. Bagnasco, che è stato anche il responsabile nazionale dei cappellani militari, resterà sempre a Genova, anche quando sarà arcivescovo emerito, un punto solido di riferimento, una intelligenza caritativa alla quale fare sempre ricorso. Mai eccessivo, attento, prudente, profondo nei suoi ragionamenti. Sempre presente e sempre discreto. Ancora auguri Eminenza, “ad multos annos” con noi e per noi.