Savona, il vicesindaco Arecco: "Stanziati due milioni per gli alloggi universitari al Priamar"

di Redazione

In arrivo 43 appartamenti per gli studenti, nel cuore della città. E sul ritorno delle navi Costa: "Dallo stop delle crociere un danno considerevole"

Dopo anni di abbandono, l'ex ostello all'interno della fortezza del Priamar sarà restaurato e trasformato in alloggi per gli studenti universitari che frequentano il campus di Savona. "Anche grazie all'aiuto della Regione abbiamo ricevuto un finanziamento di 1,9 milioni di euro da un bando ministeriale", spiega ai microfoni di Telenord  il vicesindaco di Savona  Massimo Arecco. "Saranno 43 alloggi di alto livello. I fatto che i ragazzi vivano in centro permetterà di collegare Savona con il campus, che fino ad adesso è sempre stato un po'staccato dal resto della città". I lavori dovrebbero partire già dalla primavera 2021. 

A pochi passi dal Priamar c'è il palacrociere di Costa, che nel porto di Savona ha una delle sue basi strategiche. Tra poche settimane la compagnia tornerà a far salpare le sue navi dal porto savonese: un momento che l'economia della città aspetta con ansia. "Ci siamo accorti dello stop, il danno è stato considerevole, in particoalre per i tassisti che hanno perso molto del loro indotto. Costa è una risorsa della città, significa 900mila passeggeri all'anno e Savona non può permettersi di perderli", dichiara il vicesindaco.