Sarzana, centro di riabilitazione per uomini che maltrattano le donne

di Redazione

Verrà inaugurato l'8 marzo, giornata internazionale della donna. Sarà gestito dalla cooperativa Ma.Ris e dalla Caritas diocesana. "La violenza è quotidiana e radicata"

Sarzana, centro di riabilitazione per uomini che maltrattano le donne

Un centro di riabilitazione socio-educativa per gli uomini che sono stati protagonisti di maltrattamenti sulle donne sarà inaugurato a Sarzana (La Spezia) martedì 8 marzo, giornata internazionale della donna, e verrà gestito dalla cooperativa sociale Ma.Ris. con il supporto della Caritas diocesana.

"I femminicidi sono la punta dell'iceberg. Sotto ci sono famiglie in cui, senza arrivare al delitto, la violenza è quotidiana e radicata. Serve intercettare l'uomo violento per aiutarlo a capire il disvalore del suo atteggiamento, rieducarlo e forse evitare un futuro omicidio",spiega la dottoressa Michela Ricci Ceffinati, coordinatrice del centro.

Il centro Amae sarà ospitato in via Pallodola 23, negli spazi dell'ex azienda agricola dimostrativa e servirà tutta la provincia della Spezia. "La cooperativa mette a disposizione del centro psicologi ed educatori esperti e formati per condurre sedute di gruppo e individuali", spiega il presidente Fabrizio Augello di Ma.Ris.

I soggetti che accedono al percorso riabilitativo al centro possono essere già sottoposti a un percorso giudiziario, per denuncia o per aver commesso un vero e proprio reato, e quindi inviati dai tribunali o dai loro avvocati. Ma una legge del 2014 prevede la possibilità che sia il questore, a seguito di un ammonimento e dopo aver ricevuto una segnalazione anche in forma anonima e a valle di una piccola indagine, a predisporre il percorso riabilitativo. Questo anche in caso non ci sia ancora una denuncia e senza che si stato ancora compiuto un reato