Sarzana, arrestato un carabiniere: è accusato di violenza sessuale e maltrattamenti

di Redazione

Il militare, che si trova ai domiciliari, avrebbe molestato quattro donne, dipendenti del locale che i suoi genitori hanno in provincia di Massa Carrara

Sarzana, arrestato un carabiniere: è accusato di violenza sessuale e maltrattamenti

Avrebbe molestato in tempi diversi quattro donne, dipendenti di un locale della provincia di Massa Carrara, di proprietà dei genitori: per questo un carabiniere, in servizio in una delle caserme nella provincia della Spezia, è stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale e maltrattamenti.

Sul caso indaga la procura apuana. L'arresto, su ordine di custodia del gip è avvenuto ieri: il carabiniere è ai domiciliari. Gli elementi raccolti anche sulla base delle testimonianze di quelle che sarebbero le vittime, sono stati ritenuti molto circostanziati.

Secondo quanto ricostruito, il militare, che quotidianamente frequentava il locale dei genitori, avrebbe molestato le donne che, intimorite dalla professione dell'uomo, non avevano ancora sporto denuncia. I maltrattamenti sarebbero stati sia verbali che fisici, aggravati da ingiurie nei confronti delle quattro cameriere. I soprusi avvenivano anche davanti ai clienti.
La madre del carabiniere
è accusata in concorso perché, secondo le donne, avrebbe assistito ai maltrattamenti senza impedirli.

Una delle quattro donne ha dichiarato che nei suoi confronti le molestie sarebbero avvenute dal 2015, quando lei era ancora minorenne. "Una circostanza aggravante per il mio assistito" ammette l'avvocato difensore del carabiniere Rinaldo Reboa, che però ha preannunciato che chiederà la revoca della misura cautelare nell'udienza in programma martedì a Massa.  "Il mio assistito respinge le accuse".

Secondo la denuncia, le molestie sarebbero avvenute dietro al bancone del bar, nel magazzino e sarebbe state accompagnate da ingiurie e appellativi sgradevoli anche davanti ai clienti. Ci sarebbe stato anche un episodio in cui a una cameriera sarebbero stati tirati i capelli. "Vogliamo che emerga la verità - commenta l'avvocato - Sono accuse gravissime che non trovano alcun riscontro"

Il comando provinciale dell'Arma di La Spezia, in una nota, ha dichiarato che il militare arrestato "era assente dal servizio da tempo per motivi di salute". Il Comando ha sottolineato che "stiamo collaborando con l'Autorità giudiziaria, l'Arma dei Carabinieri è la prima interessata a che sia fatta piena luce sui fatti".