Sanremo, trovati in carcere quattro microcellulari nascosti nello zucchero

di Alessandro Bacci

Operazione della polizia penitenziaria, introdurre e detenere telefonini in carcere è reato con condanne da uno a quattro anni

Sanremo, trovati in carcere quattro microcellulari nascosti nello zucchero

Operazione della Polizia Penitenziaria nel carcere di Sanremo. Gli agenti hanno trovato quattro microtelefoni cellulari sapientemente occultati all’interno di un “pacco di zucchero” in una cella del Padiglione C. “Se plaudo alla buona notizia del ritrovamento dei cellullari, ovviamente non sfugge alla mia attenzione la circostanza che essi siano stati fraudolentemente e pericolosamente introdotti all’interno di un carcere, peraltro di particolare interesse per la sicurezza nazionale - afferma Fabio Pagani Segretario Regionale della UILPA Polizia Penitenziaria.

"La Polizia Penitenziaria è costretta quotidianamente ad affrontare immani difficoltà, anche nel contrasto alla criminalità organizzata e alla minaccia terroristica incombente. Introdurre e detenere telefonini in carcere è reato con condanne da uno a quattro anni."