Condividi:


Sampdoria, Ranieri: "Ho un contratto, voglio capire i programmi della società"

di Alessandro Bacci

"Questo club è solito vendere e investire il 50%: se guadagniamo poco, che facciamo?! Con la Juventus una grande partita, il risultato ci penalizza"

La Sampdoria cade 2-0 contro la Juventus al termine di una prestazione comunque buona per impegno e pericolosità. Due errori condannano i blucerchiati ma Claudio Ranieri in conferenza stampa è omunque soddisfatto: "Bisogna fare solo i complimenti a questi ragazzi. Malgrado si giochi ogni tre giorni ci siamo salvati con quattro giornate d'anticipo, l'importante è giocare e correre per novanta minuti. Che poi alcune distrazioni contro alcuni campioni si paghino va anche bene, fa parte del calcio. Noi abbiamo fatto una gran partita, forse il risultato ci penalizza. Ho fatto i complimenti ai miei ragazzi".

Il tecnico ha poi aggiunto dichiarazioni importanti sul proprio futuro ai microfoni di Sky: “Quando sono arrivato qui eravamo ultimi, la mia positività mi portava a giocarmi la salvezza all’ultima di campionato e invece ci siamo arrivati con quattro turni d’anticipo. I ragazzi sono stati fantastici, tra mille difficoltà. Sono soddisfatto del lavoro svolto. Ho un contratto, ne parleremo con la società. Questo club è solito vendere e investire il 50%: se guadagniamo poco, che facciamo?! Ci sarà modo di discuterne”.

Valorizzati tanti giovani: “Per un tecnico è una grande soddisfazione lanciare giovani sconosciuti. Sono ragazzi interessanti. Penso anche ad Augello arrivato tardi in A, lo stesso Bonazzoli che ha perso il nonno durante il Covid ed è stato spesso vittima di infortuni. Su di lui possiamo fare affidamento”.