Rossiglione, morte misteriosa di un cinquantenne nella sua casa nel bosco

di Michele Varì

L'uomo, tedesco, trovato morto: vita sregolata, era stato denunciato per maltrattamenti. Disposta autopsia

Rossiglione, morte misteriosa di un cinquantenne nella sua casa nel bosco

Morte misteriosa nella notte di un cinquantenne tedesco che da un paio di anni conduceva una vita da eremita con la compagna in un bosco sulle pendici più isolate di Rossiglione, nell'entroterra di Genova della Valle Stura.

L'uomo, 52 anni, è stato trovato in stato di incoscienza dalla compagna che ha subito dato l'allarme al 112: sul posto, in cascina Prè, in alta Valle Berlino, nei pressi di un'edicola votiva, sono giunti i volontari della Croce Rossa di Rossiglione e i medici del 118. Ma per l'uomo non c'è stato niente da fare, era già deceduto.

Fra le ipotesi quelle di un malore visto che addosso non aveva ferite o lividi.

La coppia si era trasferita, come per isolarsi, nella parte più alta della Valle Berlino, in cascina Prè, abitazione raggiungibile solo a piedi, come a ricercare una vita alternativa e bucolica: pochi contatti con il paese, qualche animale da allevamento, in passato nella cascina i carabinieri c'erano già stati per un malore dell'uomo ma anche per presunti maltrattamenti subiti dalla compagna.

Sul posto con volontari della Croce Rossa e i medici del 118 anche i carabinieri della locale stazione di Rossiglione che hanno avviato le indagini per escludere altre ipotesi oltre al quella del decesso per un improvviso malore. 

Il magistrato di turno ha disposto l'esame autoptico sul cadavere del cinquantenne.