Condividi:


Regionali Liguria, il centrodestra conquista 18 seggi su 30 in consiglio

di Redazione

'Conquistato' anche il seggio a Sant'Ilario di Beppe Grillo, "Cambiamo" è il primo partito: superata anche la Lega

La coalizione di centrodestra vincente alle elezioni regionali in Liguria con il 56% di consensi avrà diritto a 18 seggi in Consiglio regionale su 30. Otto andranno alla lista 'Cambiamo con Toti presidente', 6 alla Lega, 3 a FdI, 1 all'alleanza Forza Italia-Liguria Popolare. L'alleanza centrosinistra-M5S avrà diritto a 11 seggi, di cui 6 all'alleanza Pd-Articolo Uno, 2 al M5S, 2 alla lista 'Sansa presidente' e 1 a Linea Condivisa. In base ai resti sarà assegnato il 30/seggio che dovrebbe andare all'opposizione. Il Consiglio regionale è composto da 31 eletti, 30 consiglieri più il presidente.

Alle elezioni regionali in Liguria il centrodestra ha 'conquistato' con il 54,12% delle preferenze anche il seggio di Genova Sant'Ilario dove hanno votato Beppe Grillo e il candidato presidente dell'alleanza centrosinistra-M5S Ferruccio Sansa. Su 449 votanti, 377 voti validi, 18 schede bianche, 8 nulle. La coalizione di centrodestra ha ottenuto 204 voti rispetto ai 157 dell'alleanza centrosinistra-M5S. Primo partito la lista del presidente uscente della Regione Giovanni Toti. La lista Cambiamo con Toti presidente è arrivata a 122 voti (il 32,36%), Fdi a 33 (8,75%), la Lega 28 (7,43%), l'alleanza Forza Italia-Liguria Popolare 20 (il 5,31) e l'Udc 1 (lo 0,27%). Dall'altra parte la lista Ferruccio Sansa presidente ha ottenuto 61 voti (il 16,18%), l'alleanza Pd-Articolo Uno 60 (il 15,92%), il Movimento 5 Stelle 20 (il 5,31%), Europa Verde-Demos Democrazia Solidale-Centro Democratico 9 (il 2,39%) e Linea Condivisa 7 (l'1,86%). Mentre il candidato dell'alleanza Psi-Più Europa-Italia Viva si è attestato a 12 voti (il 3,18%).

Su 716.211 votanti alle elezioni regionali (il 53,42% degli aventi diritto) è il risultato della lista Cambiamo con Toti presidente la vera novità uscita dalle urne con 141.552 voti, il 22,60% del totale. Sono stati 624.393 i liguri che hanno deciso di non recarsi alle urne, 19.189 le schede nulle e 14.476 quelle bianche. In termini percentuali le liste in calo in Liguria sono quelle del M5S, che ha ottenuto il 7,78% rispetto al 22,29% delle elezioni regionali 2015, del Pd sceso dal 25,64% al 19,89% sebbene l'alleanza con Articolo Uno e Forza Italia passata dal 12,66% al 5,27% nonostante l'intesa siglata con Liguria Popolare. In calo anche la Lega attestata al 17,14% rispetto al 20,25% di cinque anni fa. Non supera il tre per cento la lista sostenuta da Italia Viva-Più Europa-Psi che si ferma al 2,42%. In crescita solo Fratelli d'Italia balzata dal 3,07% del 2015 al 10,87%.