Genova, tentano di esportare 1200 tonnellate di rifiuti in Turchia: tre denunce

di Alessandro Bacci

16 container di rifiuti non selezionati e dichiarati con falsi codici erano in partenza dal porto di Pra' ma il carico era sospetto

Genova, tentano di esportare 1200 tonnellate di rifiuti in Turchia: tre denunce

Tre persone sono state denunciate per traffico internazionale di rifiuti, illecita gestione di rifiuti e false dichiarazioni in atti pubblici al termine di un'operazione congiunta tra Carabinieri del Nucleo operativo ecologico e Reparto Antifrode dell'Ufficio delle Dogane di Genova 2 nel porto di Genova Prà. Le indagini hanno riguardato il tentativo di esportazione verso la Turchia di 16 containers di rifiuti da imballaggi mescolati a gommapiuma, tessuti, cavi elettrici, carta, legno, ferro, pneumatici e altri rifiuti organici, che era stata organizzata da due aziende di Cuneo e Brescia con destinazione un impianto di smaltimento dell'Anatolia, di cui non è mai stato documentato il possesso delle necessarie autorizzazioni al trattamento dei rifiuti.

Il meccanismo portato alla luce dagli investigatori ha riguardato il tentato illecito smaltimento di 1.200 tonnellate di rifiuti non selezionati e dichiarati con falsi codici, con il coinvolgimento di una terza azienda slovena che ha effettuato l'intermediazione. L'azienda turca destinataria si era dichiarata disponibile a ricevere la merce, insospettendo però la compagnia di navigazione della nave su cui viaggiava, per l'assenza di autorizzazioni da parte della Turchia. Le Dogane hanno così annullato la dichiarazione doganale, scoprendo assieme ai carabinieri del Noe l'inesistenza della ditta turca citata nelle dichiarazioni doganali.

L'azienda piemontese che avrebbe dovuto smaltire il carico aveva semplicemente dirottato i containers verso il porto di Genova-Prà e organizzato uno smaltimento fraudolento fuori dal territorio comunitario, abbandonando il carico in porto senza riprenderlo in consegna.