Condividi:


Genova Pontedecimo, detenuto dà fuoco alla cella

di Redazione

Evacuato il piano terra del carcere nella sezione maschile, l'uomo - un marocchino di 44 anni - era appena stato trasferito a Genova

Questo pomeriggio alle ore 15 un detenuto del carcere sezione maschile di Genova Pontedecimo ha dato fuoco alla sua cella. Si tratta di un marocchino di 44 anni in carcere per sequestro di persona, violenza sessuale, furto, rapina, ricettazione che era stato trasferito il 6 agosto scorso dalla casa circondariale di Spezia dopo aver già girato 11 diversi istituti.

Il detenuto, definito violento, ha acceso il fuoco nella sua cella bruciando cuscino e materasso e causando così una grossa nube di fumo. I poliziotti della penitenziaria in servizio hanno spento l'incendio rapidamente estraendo il detenuto dalla cella e fatto evacuare l'intero piano terra del reparto maschile

Commenta Fabio Pagani, segretario regionale della Uil Pa Polizia Penitenziaria: "Nonostante il coraggioso intervento della Polizia Penitenziaria il detenuto ha manifestato fin da subito resistenza e da questa mattina chiedeva di essere trasferito ad altro carcere, motivo per cui stamani ha demolito per ben tre volte la camera e l'ha poi messa a fuoco".

Il comandante e 4 agenti sono rimasti intossicati e trasportati al pronto soccorso del San Martino.