Condividi:


Genova, assembramenti sul lungomare, in centro e sulle alture: raffica di segnalazioni

di Alessandro Bacci

Ultimo sabato in zona gialla ma sono decine le chiamate arrivate alle forze dell'ordine. Sul Beigua auto bloccate dal ghiaccio

Ultimo sabato in zona gialla per la Liguria. Complice il bel tempo e il sole, centinaia di genovesi hanno deciso di trascorrere la giornata all'aperto. I lungomari, il centro ma anche le alture sono stati letteralmente presi d'assalto. In molti casi la sensazione è che il virus fosse un lontano ricordo ma, come sappiamo, non è assolutamente così. Gli assembramenti sono estremamente pericolosi per la diffusione del covid. Così decine di cittadini preoccupati hanno chiamato le forze dell'ordine che in alcuni casi sono intervenute. Non si sono registrati, però, casi che destassero reale preoccupazioni.

Rispetto alle giornate pre natalizie i controlli si sono rivelati minori, ma la folla no. La voglia dei genovesi di godersi una giornata di libertà è comprensibile, ma al giorno d'oggi osservare gente ammassata non è più considerata normalità. La spiaggia di Boccadasse e la passeggiata di Nervi si sono rivelate le mete più ambite.

In molti hanno pensato di isolarsi sulle alture, ma anche i sentieri nei boschi sono stati presi d'assalto. Sulla strada per il Beigua molte auto sono rimaste bloccate dal ghiaccio. Alcuni automobilisti hanno deciso di affrontare la salita senza le dotazioni invernali.