Dal rossetto gigante alla scarpa del Genoa o della Samp: curiosità ad ArteGenova

di Giulia Cassini

Tra le opere più apprezzate dai collezionisti vip

Pesci, fumetti, mele, oggetti pop colpiscono subito l'occhio del visitatore ad ArteGenova, il grande evento sino al 17 febbraio al Padiglione Blu della Fiera di Genova dedicato ai capolavori dell'arte moderna e contemporanea. Nel paniere del classico investitore vip si trovano, ad esempio, le opere di Giorgio Laveri e di Laura Malattia rappresentati rispettivamente da Enrico Citriniti del Gruppo Vintage e da Mimma Massone della Galleria "Gli Angeli". Da un lato si vedono coloratissimi rossetti fuori scala, dall'altro originalissime scarpe anche vestite secondo le maglie del Genoa e della Sampdoria.

Giorgio Laveri è ricordato soprattutto tramite i fortunati "Truka", i rossetti, a scatenare il massimo della creatività tra effetti lucidi e mat dall'inevitabile imponenza rivelatrice di teatralità e dello spazio che il feticcio in generale occupa nella nostra vita. Diventano veri e propri simboli totemici, icone irridenti dei giorni d'oggi e della finzione cinematografica che vanno a riassumere a livello ideale.

Laura Malattia ha creato vere e proprie sculture a forma di scarpa tra infinite variazioni. Se ad ArteGenova è stato scelto come filone conduttore lo sport, Malattia trova il suo punto fermo anche nella moda vestendo le sue sculture di luci e di riflessi di grande impatto visivo.  Si tratta di veri e propri modelli di bellezza, perfezione e stile sempre con l'esuberanza del colore e con l'incanto raffinato della decorazione che diventa uno stilema codificato. In definitiva incatenano lo sguardo e sono molto resistenti, grazie alla particolare tecnica di lavorazione.