Condividi:


Fondi ponte Morandi, Lista Toti: “Sansa fa cattiva e falsa propaganda”

di Redazione

La replica: "Le risorse stanziate sono state tutte usate per rimborsare chi ne aveva bisogno, inutile parlare a vanvera"

"A quanto pare il candidato Sansa si ostina a non leggere quello che scriviamo o solo ha intenzione di fare cattiva e falsa propaganda". Così Matteo Cozzani, coordinatore della campagna elettorale per Toti Presidente, risponde alla nota di Ferruccio Sansa. "Con la Legge Genova siamo riusciti a risarcire in tempi record commercianti, artigiani, imprese, partite iva e autotrasportatori che avevano subito danni in seguito al crollo del Ponte Morandi. Per le diverse categorie interessate, sono stati stanziati, per gli anni 2018/19/20, in totale 220 milioni, più altri 13 milioni e mezzo per le assunzioni a tempo determinato negli enti locali per far fronte all'emergenza. Le risorse stanziate sono state tutte usate per rimborsare chi ne aveva bisogno "- si legge nella nota -.

"Il presidente Toti e la sua amministrazione hanno cercato di agevolare il più possibile, hanno accolto le richieste della Camera di Commercio e delle associazioni di categoria. L'unico disavanzo di cui parla Sansa riguarda la disponibilità dedicata al sostegno al reddito, ovvero la cosiddetta una tantum e la cassa in deroga. Erano 30 milioni per gli anni 2018-2019 e ne sono avanzati poco più di 13 milioni. Purtroppo però - conclude la nota - non è possibile intervenire sulla Legge nazionale ed è per questo che già mesi fa Regione Liguria ha chiesto al Governo di poter utilizzare questi fondi residui per realtà che sono state escluse dalla Legge nazionale, come ad esempio le Srl. E secondo voi è stata mai data una risposta? Neanche una. Quindi al posto di continuare a parlare a vanvera, che il candidato Sansa si preoccupi di chiamare direttamente il Governo... magari a lui rispondono!".