Festival di Sanremo, Amadeus: "Un passaggio epocale, dati più alti delle edizioni normali"

di Alessandro Bacci

Il presentatore non esclude nulla sul futuro: "Se la Rai lo desidera, se il pubblico lo desidera, se si ritrova l'energia, l'idea, vediamo..."

Festival di Sanremo, Amadeus: "Un passaggio epocale, dati più alti delle edizioni normali"

"Finalmente è arrivato il 7 marzo, sono felicissimo per aver realizzato un Sanremo diverso dagli altri, e pensare che 13, 14 milioni di persone hanno seguito ieri la finale, con dati quasi piu' alti delle edizioni normali, rende il nostro sforzo ancora più immenso". Lo dice Amadeus nella conferenza stampa finale. "Sono felice, orgoglioso di tutto quello che è accaduto, complimenti a tutti i ragazzi, a tutti i cantanti. C'è stato un passaggio epocale nella storia del festival, un voltare pagina, prendere un'occasione al volo per cambiare qualcosa e questo è accaduto".

"In un momento in cui intorno c'era tanta incertezza, confusione, paura, dubbi, non avrei mai potuto fare il festival senza Fiorello al mio fianco - dice ancora - mio fratello, il più grade showman che abbiamo. Insieme abbiamo cercato di fare intrattenimento, una cosa difficilissima senza pubblico. Soprattutto la prima sera uscire e veder teatro vuoto è una cosa che non auguro a nessuno di coloro che fanno il mio lavoro, non era scontato fare 5 ore di trasmissione a sera". Poi il ringraziamento alla sua squadra, guidata dal manager Lucio Presta, "che mi è stata sempre accanto, e alla mia famiglia: pochi ma buoni. Grazie a tutti e viva Sanremo: il festival non ce lo ha nessuno e , teniamocelo stretto".

"Quello che ho detto ieri, l'ho detto in maniera consapevole, dopo averlo valutato con Rosario. Pensiamo che Sanremo sia un grande evento, non un programma tv: servono energia, forza, idee. Ringrazio l'amministratore delegato della proposta. L'idea ora è di fermarci un attimo. Poi se la Rai lo desidera, se il pubblico lo desidera, se si ritrova l'energia, l'idea, vediamo. Al festival si lavora per un anno o quasi, quest'anno è come se fossero stati due anni in uno". Così Amadeus, che ieri aveva escluso l'ipotesi di un festival ter, commenta l'apertura dell'ad Fabrizio Salini a un 'triplete' per lui e Fiorello a Sanremo 2022.