Ex-Ilva, Lunardon: "Un voto unanime oggi per dare un segnale forte"

di Marco Innocenti

"Variamo un nuovo scudo penale, che valga per chiunque attui un piano ambientale"

Trovandosi nella scomoda situazione di aver votato, insieme al Movimento 5 Stelle e (probabilmente) anche un po' di malavoglia, lo stralcio dello scudo penale che ha dato a Mittal il pretesto per provare a sfilarsi dagli accordi, oggi il Pd ha il compito di provare a rimediare, partendo anche dalla stesura di un documento condiviso da tutta l'aula regionale. "Un documento condiviso sarebbe importantissimo - conferma il capogruppo Pd Giovanni Lunardon - Una scelta differente su una vicenda di questa natura significherebbe avere corto respiro, poi penso che un voto unanime potrebbe avere un peso importante anche nella discussione nazionale, quindi abbiamo una grande responsabilità quest'oggi".

Ma questa querelle potrebbe avere un peso anche in vista di futuri accordi elettorali, a livello ligure, fra Pd e 5 Stelle? "Non ci sono accordi che tengano - taglia corto Lunardon - Stiamo parlando di un'azienda che da sola vale l'1% del Pil nazionale. Questo prevale su tutto. Occorre lavorare perchè questa vertenza abbia un esito positivo quindi va tolto ogni pretesto a Mittal. Se lo scudo penale viene usato come tale, togliamo questo pretesto, Anzi, facciamo un passo avanti, richiamando Mittal ai suoi impegni e varando uno scudo generale che valga per chiunque lavori a un piano ambientale approvato dallo stato italiano".