Ex-Ilva, Toti incontra i sindacati: "Portiamo avanti questa battaglia comune"

di Marco Innocenti

Manganaro: "Qualcuno ha dato all'azienda una pistola col colpo in canna"

Alla vigilia del consiglio regionale straordinario dedicato alla vertenza Ex-Ilva, Giovanni Toti ha incontrato i sindacati per fare il punto della situazione sulla vertenza in vista anche del prossimo incontro con il ministro Patuanelli, in programma giovedì prossimo, quando Comune di Genova e Regione saranno a Roma per portare a Roma la voce degli operai del polo di Cornigliano. "Lo stop della magistratura allo spegnimento dell'altoforno 2 e la sentenza del 27 novembre - ha detto Toti alla fine dell'incontro - sono piccole buone notizie che ci fanno guadagnare tempo ma sono il segno di un fallimento della politica industriale".

"Abbiamo apprezzato molto il fatto che il presidente Mattarella abbia convocato i sindacati - ha aggiunto - perché è segno dell'importanza che la siderurgia ha per il nostro Paese. Solo a Genova dalle acciaierie Ilva sono passati il presidente della Repubblica e il Santo Padre perché quelle acciaierie sono un pezzo della storia industriale di questo Paese e per difenderle la politica di questa Regione deve portare avanti una battaglia comune".

Oggi intanto, sia a Milano che a Taranto, la Guardia di Finanza ha perquisito gli uffici del colosso franco-indiano, sequestrando alcuni documenti ritenuti utili all’inchiesta avviata dalla Procura di Taranto dopo l’esposto presentato dai commissari straordinari. Le indagini della Procura di Taranto, in particolare , puntano ad accertare se sia stata creata una situazione di 'crisi pilotata' o meno. E' quanto è stato riferito in ambienti giudiziari e investigativi milanesi. La presunta crisi pilotata che è stata ventilata dai commissari nel loro ricorso d'urgenza depositato al Tribunale civile di Milano è uno degli elementi centrali delle indagini delle procure di Milano e di Taranto