Condividi:


Coronavirus, alla Spezia probabile proroga delle misure anti assembramento

di Redazione

A Genova alcune aree del centro storico sotto osservazione, 2 casi segnalati nelle scuole nelle ultime 24 ore

Resta stabile in Liguria il quadro epidemiologico sul territorio in relazione alla pandemia da Covid-19. Lo comunica la Regione Liguria, per la quale "resta sotto controllo la circolazione del virus nel comune della Spezia ma non si è più osservato un aumento dei casi dopo le misure anti assembramento emesse per il territorio spezzino". Le autorità sanitarie e il sindaco della Spezia, con Regione Liguria, "sono orientati a prorogare fino alla mezzanotte di domenica 27 settembre 2020 tutte le misure anti assembramento presenti in città e sul territorio della provincia".

Per quanto riguarda Asl3 genovese, "restano stabili i numeri dei contagi sul territorio con una maggiore circolazione che interessa alcune aree del centro storico, poste sotto attenta osservazione".

Prosegue inoltre il monitoraggio del sistema sanitario ligure sulle scuole. Non si segnalano episodi di rilievo: nella giornata di ieri sono stati 2 i casi segnalati già tracciati e individuati.

In merito all'ordinanza del ministero della Salute con le misure relative alla Francia, per il traffico transfrontaliero proveniente dalle zone rosse indicate dalle autorità francesi e identificate nelle regioni di Alvernia-Rodano-Alpi, Corsica, Hauts-de-France, ×le-de-France, Nuova Aquitania, Occitania e Provenza-Alpi-Costa azzurra, sono in vigore le stesse regole previste per Croazia, Spagna, Grecia e Malta dall'ordinanza dello stesso ministero del 16 agosto scorso, con analoghe modalità di applicazione.