Chiusura A26, Battelli: "È un incubo, qualcuno ne risponderà"

di Redazione

Il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera: "Danni incalcolabili per la Liguria"

Chiusura A26, Battelli: "È un incubo, qualcuno ne risponderà"

"La decisione di chiudere la A26 non ha precedenti. D'altra parte come potrebbe averli? Ancora una prova dell'inefficienza del concessionario. Ancora un incubo peri liguri. Dopo il Morandi, dopo il crollo del viadotto Madonna del Monte (travolto da una frana) non si può rischiare: la sicurezza prima di tutto quindi, se ci sono dei pericoli, è bene non correrli".

Così, in una nota, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera, il ligure Sergio Battelli."Inutile dire, però, che questo ennesimo colpo di scena, imposto dalla procura non certo venuto in mente al concessionario, arriva dopo giorni di forte stress per tutto il territorio e provoca danni incalcolabili per la Liguria. La viabilità è davvero al collasso. Qualcuno, prima o poi, dovrà rispondere di questo", conclude.