Biodiversità, mare e spiagge a misura di bimbo: l'estate family friendly di Lavagna

di Chiara Sivori

La città punta sulle famiglie e fa il tris di bandiere: Blu per le coste, la Verde dei pediatri e la Spiga Verde per la tutela del territorio

Lavagna fa il pieno di bandiere. Venerdì 31 luglio la città ha festeggiato l'arrivo di un nuovo riconoscimento, la Spiga Verde, assegnata dalla FEE (Foundation For Enviromental Education, lo stesso ente che assegna le Bandiere Blu) alle comunità che si sono distinte nella tutela della biodiversità e la tutela del terriorio rurale.

La Spiga Verde si aggiunge quindi, oltre che alla Bandiera Blu, ad un altro vessillo dello stesso colore: è la Bandiera Verde "Spiagge dei bambini", ideata dal dottor Italo Farnesani e assegnata ogni anno da un pool di pediatri italiani alle città che garantiscono coste a misura di bambino, sia in termini di sicurezza che di servizi per le famiglie. Lavagna è una delle 140 città italiane, e l' unica nel Tigullio, ad averla ottenuta. 

"La chiave per ottenerla sono mare e spiagge pulite, segnalazioni chiare in acqua e un fondale che diventa profondo con gradualità", spiega Daniele Ceccarelli, bagnino degli stabilimenti "Il Porticciolo".

Il comune di Lavagna ha fatto dell'attenzione alle esigenze dei bimbi un cardine del rilancio del turismo nell'estate post Covid 19. "Con il progetto “Io sono family Friendly”abbiamo voluto lencare un insieme di servizi dedicati alle famiglie, al quale possono aderire esercenti, albergatori, bar e ristoranti", dichiara Elisa Covacci, vicesindaco di Lavagna. "Questi servizi ci hanno permesso di rendere la città un posto a misura di bambino, al servizio dei turisti più giovani".