Condividi:


Liguria, Valeri (Aspi): "A fine luglio si viaggerà a due corsie sulle autostrade liguri"

di Redazione

Il direttore della gestione di rete a Telenord: "Ci scusiamo con i liguri, ma abbiamo seguito un protocollo rigidissimo per tempi e sicurezza"

"Chiediamo scusa a tutti i liguri per i disagi che hanno dovuto affrontare, ma ormai siamo in una fase avanzata delle operazioni. Entro fine luglio, sulle autostrade della Liguria controllate da Aspi, si viaggerà a due corsie in entrambe le direzioni". A dirlo è Enrico Valeri, direttore gestione reti di Autostrade per l'Italia, intervistato nell'ambito della trasmissione Fuori Rotta, in onda stasera alle 21 su Telenord.  "La situazione tornerà alla quasi normalità anche per quanto riguarda le gallerie". 

Valeri ha spiegato da tecnico le ragioni di Aspi, rispondendo a chi accusa la società per la situazione di paralisi del traffico che si è creata sulle autostrade liguri. "Abbiamo seguito dei protocolli rigidissimi sia in termini di sicurezza che di tempistiche. Il ministero dei Trasporti ci ha chiesto di concludere i lavori e i controlli sulle gallerie e i viadotti liguri in tempi molto brevi, anticipando gli interventi programmati per i prossimi mesi, quindi si sono dovuti aprire moltissimi cantieri contemporaneamente".

Per fare fronte all'ingente mole di lavoro e rispettare la tabella di marcia imposta dal ministero, spiega Valeri, Aspi ha richiamato in Liguria un gran numero di operai e di mezzi: "Dobbiamo tenerconto del fatto che in questa regione si concentrano il 50% delle gallerie e il 25% dei viadotti presenti nelle tratte gestite da Aspi. Controllare tutte le infrastrutture quindi richiede uno sforzo molto intenso: impossibile portare a termine tutti i lavori senza influire sul traffico".

Ma cosa risponde Aspi a chi obietta di non vedere operai al lavoro nei cantieri? "Non si vedono perché le operazioni si svolgono all'interno delle gallerie", spiega Valeri.