Condividi:


Spezia, Italiano: "La Lazio è un top club, diamo continuità a ciò che stiamo facendo"

di Redazione

Il tecnico: "la classifica non bisogna guardarla. Sarà l'ultima partita a Cesena, vogliamo salutare questo stadio nel migliore dei modi"

Alla vigilia della sfida casalinga contro la Lazio, il tecnico dello Spezia Vincenzo Italiano commenta il momento che sta affrontando la squadra nella consueta conferenza stampa pre-gara: “Cercheremo di proseguire sulla strada delle prestazioni fornite ultimamente; in teoria questa è l’ultima partita a Cesena e quindi vogliamo salutare questo stadio nel migliore dei modi.  La Lazio è un top club del nostro campionato, tutti gli anni continua a dare battaglia per i primi posti. Per noi è un'altra gatta da pelare, sarà dura perchè tutte sono forti, tutte sono attrezzate con grande qualità e quindi non ci resta che affrontare la Lazio come le gare precedenti, con grande attenzione perchè appena molli qualcosa gli avversari ti castigano. Poi l'unica cosa che conta è cercare di dare continuità a questo che stiamo facendo"

Il tecnico ha parlato della condizione della propria squadra: "In questo momento stiamo riuscendo a gestire la rosa senza problemi, ho la fortuna di allenare giocatori di un’intelligenza fuori dal normale, perché hanno capito ciò di cui c'è bisogno: professionalità e disponibilità. I complimenti che riceviamo vanno soprattutto a loro."

"Lo striscione visto a Follo mi ha fatto un effetto bellissimo, dispiace che questa tifoseria non abbia ancora potuto sostenere i ragazzi in Serie A. Non vediamo l’ora di poter riabbracciare i tifosi al Picco, sarà un momento davvero emozionante”. 

Sulla classifica: "In questo momento è prestissimo. Ho detto che qualche valutazione si può fare dopo una quindicina di gare. In questo momento la classifica penso sia molto provvisoria e non bisogna guardarla. Non solo noi ma tutte le squadre alla nona giornata si pensa a crescere, a migliorare, ad aggiustare e modificare tutto quello che non va, a fortificare un po' tutte le certezze che si hanno e penso che sia molto presto per iniziare a guardare altro".