Spezia 2-1 Cagliari: gara da infarto. Vola l’Aquilotto sulle ali dei giovani

di Gregorio Spigno

Italiano ringrazia e raccoglie 3 "Piccoli" punti che potrebbero valere un "Maggiore" risultato.

Spezia 2-1 Cagliari: gara da infarto. Vola l’Aquilotto sulle ali dei giovani

Una partita incredibile, assurda, che alla fine ha però premiato chi ha meritato.

Lo Spezia è tornato alla vittoria, e lo ha fatto in un modo incredibile contro una diretta concorrente nella lotta salvezza: 3 punti, questi, che potrebbero valerne ben di più. 

Il primo tempo è stato battagliero, a ritmi elevatissimi ma senza grosse occasioni da segnalare se non per qualche tiro di Joao Pedro.

Nella seconda frazione Italiano ha sistemato i suoi, e i frutti sono arrivati subito: al 50' a sbloccare la gara ci ha pensato il giovane Piccoli con uno splendido colpo di testa.

Poi è ricominciata la battaglia, con palle gol clamorose da una parte e dall'altra.

Simeone si è divorato il pari solo davanti a Zoet (autore di almeno tre miracoli che hanno tenuto a galla i suoi).

Il doppio vantaggio lo ha siglato a dieci minuti dalla fine Maggiore, calciando malamente un traversone di Bastoni ma beffando allo stesso tempo Cragno.

Partita chiusa? Macché. Il Cagliari si è risvegliato, e ha riaperto la gara soltanto 4' più tardi con un altro tentativo svirgolato e fortunato.

Lo Spezia si è chiuso, cercando di evitare che la tempesta sarda portasse frutti, ma al 95' è arrivato il pari: azione confusissima che alla fine viene risolta da Joao Pedro che spinge in rete. 2-2, ma... intervento del VAR: fuorigioco di Simeone a inizio azione.

Italiano ringrazia e raccoglie 3 "Piccoli" punti che potrebbero valere un "Maggiore" risultato.