Savona, Schirru: "Dispiace che il futuro della città venga deciso dal 50% della popolazione"

di Alessandro Bacci

Il candidato del centrodestra: "L'obiettivo è sempre quello di fare del bene per Savona, continuerò a stare in mezzo alla gente"

Savona, Schirru: "Dispiace che il futuro della città venga deciso dal 50% della popolazione"

Pesante sconfitta per il centrodestra al ballottaggio che ha visto trionfare Marco Russo. Angelo Schirru, candidato del centrodestra, accetta la sconfitta e va subito a stringere la mano al suo avversario: "Mi è venuto spontaneo andare a congratularmi, è stata una campagna elettorale corretta tra tutti i candidati. I savonesi hanno deciso così e rispetto completamente la decisione. I punti comuni sono tanti, si partirà da queste comunità di intenti e ricette per le soluzioni. per Savona. Se ci sono delle sinergie di programmi ci saranno anche delle sinergie comunicative, la possibilità di non contrastarsi aprioristicamente. Cercherò di valutare le proposte della maggioranza insieme alla squadra che avremo, ci daremo da fare. L'obiettivo è sempre quello di fare del bene per Savona, qualcoasa di utile per la nostra città."

Sull'astensionismo: "Speravo in un aumento dei votanti, il centrodestra aveva puntato molto sul voto nel secondo turno. Avevamo avuto dei riscontri positivi, così non è andato, dispiace che una il futuro di una città venga deciso solo da meno del 50% della popolazione. La democrazia è questa."

"Continuerò a stare in mezzo alla gente, continuerò a essere l'interlocutore di tutti quelli che mi vorranno parlare con grande passione - conclude Schirru - L'ambito sanitario è importantissimo, l'ospedale San paolo deve tornare a essere efficace  tutta la sanitàà va potenziata e cercherò di continuare su questa strada."