Condividi:


Sansa: "Possiamo fare una rivoluzione per cambiare la politica"

di Redazione

Il candidato della coalizione giallorossa: "Abbiamo l'occasione di fare infrastrutture per 18 miliardi, senza sprechi e nel rispetto dell'ambiente"

"E' un'occasione straordinaria quella offerta dalle elezioni regionali 2020: possiamo fare una rivoluzione per cambiare il mondo della politica, per voltare pagina rispetto al potere che ha governato questa Regione". E' questo il messaggio che Ferruccio Sansa, candiato alla presidenza della Liguria per la coalizione di centrosinistra - M5S, lancia ai liguri prima dell'appuntamento con le urne del 20 e 21 settembre. "Vogliamo dare voce a imprenditori, lavoratori, manager e a tutti quelli che vogliono dare un volto nuovo alla Regione. Ci tengo a sottolineare che è una rivoluzione che non è contro nessuno, ma che che vuole includere tutti: vogliamo passare dalla Liguria dell' 1% alla Ligura del e del 100%.  In una situazione difficile come quella che stimao afrrontando in Liguria, ci si salva tutti insieme".

Sansa è molto critico sull'operato della giunta uscente su due dei temi più caldi della campagna elettorale, la sanità e le infratrutture: "Toti in 5 anni non ha fatto niente; ora invece c'è l'occasione di fare opere per 18 miliardi, che saranno infrastrutture realizzate senza sprechi e nel rispetto dell'ambiente. Per quanto riguarda la sanità, la situazione della Spezia dimostra l'inefficenza del centrodestra: è una classe dirigente che non si prende cura delle persone, che pensa più ai temi elettorale che alla salute".

Per la sanità, che da sola occupa l'80% del bilancio di una regione, Sansa pensa ad un approccio territoriale: "Punteremo sulla sanità pubblica, la vogliamo portare vicino alle case dei liguri con Case della Salute aperte 24 ore su 24".