Condividi:


Sampierdarena, scuola non viene sanificata dopo le elezioni: a casa gli alunni

di Redazione

Succede nella primaria di San Bartolomeo del Fossato: le condizioni di sicurezza sanitaria anti covid non sarebbero state garantite

Un mercoledì mattina inaspettato per gli alunni della scuola primaria di via San Bartolomeo del Fossato, a Sampierdarena: niente lezioni perché la scuola, succursale dell' istituto comprensivo Nicolò Barabino e sede di seggio elettorale, non sarebbe stata sanificata dopo le regionali.

Secondo quanto raccontato dal papà di un alunno, i primi bambini arrivati davanti alla scuola hanno trovato le porte chiuse; intorno alle 9 e 20, la preside avrebbe comunicato via Whatsapp che l'istituto non poteva aprire per motivi igienici. Nel frattempo, davanti alla scuola si era formata un piccola folla di genitori, che non hanno potuto far altro che riportare a casa i bambini. 

Non è chiaro se la scuola sia stata effettivamente sanificata dopo le elezioni; secondo quanto riferito dai genitori, mancherebbe la certificazione dell'avvenuta pulizia da parte della ditta incaricata dal Comune di Genova, mai ricevuta dal plesso.

 Il disagio di oggi potrebbe sommarsi allo sciopero dei lavoratori della scuola previsto per il 24 settembre, che potrebbe costringere nuovamente i genitori a dover tenere a casa i ragazzi. 

Lo stesso problema si è ripresentato in altre scuole sede di seggio in giro per la città: il Secolo XIX segnala situazioni simili al Vittorio Emanuele, al liceo D'Oria, al Gobetti e al Palli. "Abbiamo interessato 3 ditte, per un totale di 72 persone accreditate, per completare le operazioni di pulizia», ha detto al Secolo XIX l'assessore all'istruzione del Comune di Genova, Barbara Grosso.