Condividi:


Sampdoria, Ranieri: "Sono molto deluso. Tre goal sono fin pochi"

di Marco Innocenti

Non cerca scuse il tecnico blucerchiato dopo il 3-0 subito dai campioni d'Italia: "Ci saltavano sempre, arrivavano tardi su ogni pallone"

E' un Claudio Ranieri che non le manda certo a dire, quello che si presenta ai microfoni di Sky Sport al termine della gara che ha visto la Sampdoria arrendersi per 3-0 al cospetto dei campioni d'Italia della Juventus. "Sono molto deluso - ha detto il tecnico blucerchiato - Non mi aspettavo una prestazione così opaca. Siamo stati paurosi, rinunciatari. Io devo vedere quelli della Juventus che entrano rabbiosi su ogni pallone e i miei no? Io impazzisco. Noi dovevamo fare ancora molto di più di quello che hanno fatto loro. Tre goal sono fin pochi. Non credo si tratti di appagamento, credo che abbiamo fatto tre partite con squadre di categorie inferiori e non ci sono state partite dove siamo stati messi sotto. Io lo sapevo che oggi sarebbe andata così. L’anno scorso non avevamo paura di andare a prenderli alti, oggi ci hanno saltato sempre: questo significa che arrivavamo tardi su ogni pallone".

Inevitabile, col mercato ancora aperto, parlare poi degli arrivi ventilati in casa Samp: "Keita? Può fare la seconda punta, può fare l’esterno - ha commentato Ranieri - Quando arriverà e spero in questa settimana, parlerò con lui. Dovrò vedere anche il suo grado di preparazione. Può giocare esterno o punta in un attacco a due dove si può sfruttare la sua velocità. Sicuramente qualcosa dal mercato arriverà. Sono curioso, però: prima del covid eravamo imbambolati. Senza il pubblico potevo gridare e i ragazzi mi ascoltavano, giocavamo, pressavamo e facevamo belle partite. Quest’anno come saremo? Quelli del pre covid o del post? Questo ce lo dirà il campionato. Faccio l’allenatore, non faccio l’indovino".