Condividi:


Sampdoria, Ranieri: "Sempre con il coltello tra i denti, solo così ci salveremo"

di Alessandro Bacci

Il tecnico: "È arrivata l'ora di Quagliarella, con l'udinese sfida difficile: è la miglior squadra a giocare in contropiede"

Antiviglia di campionato per la Sampdoria che si prepara alla sfida salvezza di domenica contro l'Udinese. Dopo una sessione mattutina al Mugnaini di Bogliasco, Claudio Ranieri ha analizzato la prossima sfida partendo dalla asconfitta subita con l'Atalanta: "Con l’Atalanta abbiamo offerto una buona prova, siamo andati a pressare alti, senza far ragionare l’avversario e non abbiamo sfigurato nonostante il risultato negativo. Ora ci attende una nuova sfida difficile, contro un’altra formazione fisica, di centimetri, bravi nel contropiede e dovremo stare attentissimi a concedere pochi spazi. Nella mia filosofia c’è “andiamo a bussare e vediamo cosa succede”. All’andata abbiamo vinto all’ultimo, spingendo dopo aver subito un gol perché due nostri giocatori erano scivolati. L’Udinese è la miglior squadra a giocare in contropiede".

Il tecnico ha parlato della lotta salvezza: "La condizione dei ragazzi mi fa ben sperare. Sappiamo che non sarà facile, nessuna partita lo è giocando ogni tre giorni. Può succedere di tutto, ci sono nove punti in palio nel giro di una settimana. Avremo sempre il coltello tra i denti, solo così ci salveremo".

Contro l'Atalanta il tecnico blucerchiato ha rimediato un espulsione e non sarà in panchina domenica: "La mia squalifica può essere giusta perché ho protestato, anche se a volte il quarto ufficiale dovrebbe essere un po’ psicologo e capire certe situazioni. Seguirò la partita dalla tribuna, dietro la panchina, e urlerò ancora più forte per farmi ascoltare dai miei ragazzi: nello stadio vuoto la mia voce si sentirà anche questa volta».

La buona notizia riguarda il ritorno di Fabio Quagliarella: "Sta entrando sempre più in forma, è arrivata l’ora di vederlo in campo. Non l’ho schierato a Bergamo perché volevo dargli ancora qualche giorno di riposo, ma avrei potuto inserirlo a partita in corso. Ha centrato più volte la porta in allenamento, è nel momento giusto".