Condividi:


Salvatore: “I consiglieri regionali della Liguria prendano il treno”

di Antonella Ginocchio

Per evitare di restare imbottigliati in autostrada, facendo così "saltare" la seduta del Consiglio regionale

Oggi doveva esserci Consiglio regionale, ma la seduta è stata “sconvocata"- ha spiegato Alice Salvatore, consigliere regionale del gruppo Il Buonsenso", ai microfoni di Telenord. - Tutto ciò perchè molti consiglieri regionali sono rimasti imbottigliati in autostrada, dove ci sono stop e rallentamenti a causa di lavori.. Ma sono giorni che la rete autostradale intorno a Genova è tutta bloccata, perché ci sono cantieri. Questi lavori sono iniziati dopo che è finito è il lockdown, quindi da quando le persone finalmente hanno potuto cominciare  a muoversi e non nei due mesi in cui nessuno poteva spostarsi”.

Salvatore ha quindi attaccato: E in tutto questo come si comportano gli amministratori pubblici regionali in Liguria? Non pensano di utilizzare il mezzo pubblico per eccellenza per venire al Consiglio regionale, che garantirebbe loro di arrivare per tempo: il treno. Chi fa parte delle istituzioni deve dare l’esempio corretto, e quindi non bisogna creare nuovo traffico privato, ma usare i mezzi pubblici, come il treno, al pari di migliaia di cittadini liguri.

Aggiunge il consigliere: “Siamo di fronte a una doppia situazione. I signori delle autostrade che sembra facciano quasi apposta a creare problemi alla viabilità, e dall’altra esponenti pubblici che non hanno la minima idea di come muoversi  e cioè come tutti i cittadini normali:” E ancora: “Questa situazione di caos è molto ben vista da una maggioranza che continua così a non rispondere ai cittadini. La settimana scorsa, in contemporanea con la seduta del Consiglio regionale, il Governatore era in Tv e l’assessore Viale non si sa. Questa settimana guarda caso si rinvia un consiglio che si poteva benissimo tenere nel pomeriggio. Fanno ridere le frasi “indignate” della Lega che poi vuol far realizzare la Gronda proprio a chi oggi sta soffocando i liguri in code infinite”.