Processo ponte Morandi, i giudici si riservano sulla ricusazione del gip

di Alessandro Bacci

La decisione è attesa nelle prossime ore, i tempi sono ristretti: il prossimo 8 novembre è fissata l’udienza preliminare

Processo ponte Morandi, i giudici si riservano sulla ricusazione del gip

Si sono riservati i giudici della corte d'appello di Genova sull'istanza di ricusazione del gip Paola Faggioni avanzata dai legali di Giovanni Castellucci e altri imputati dell'inchiesta sul crollo del ponte Morandi. Gli avvocati hanno chiesto la ricusazione perché, secondo loro, il giudice si sarebbe già espressa sul procedimento per le misure per l'inchiesta delle barriere fonoassorbenti in autostrada che vede indagate molte persone coinvolte anche nell'inchiesta sul crollo del viadotto. Il sostituto procuratore generale Alessandro Bogliolo aveva dato parere negativo dicendo che non era stato violato il principio di imparzialità del giudice.

La decisione arriverà nelle prossime ore, probabilmente già domani. I tempi sono estremamente ristretti visto che l'8 novembre è fissata l’udienza preliminare, a carico di 59 imputati oltre alle due società Aspi e Spea. Lunedì prossimo si discuterà dell’ammissibilità delle 500 parti civili che hanno chiesto di partecipare all’eventuale futuro processo.