Ponte Morandi, terzo giorno in aula: "Il retrofitting avrebbe evitato il crollo"

di Alessandro Bacci

Terza giornata dell'incidente probatorio a Genova, in aula le foto dei cavi corrosi. Egle Possetti: "Mi sono commossa a rivedere quelle immagini"

I monitoraggi carenti, gli scarsi interventi di manutenzione e il retrofitting (il progetto di rinforzo delle pile 9 e 10) sono stati i temi trattati dai periti del gip Angela Nutini nel corso della terza udienza dell'incidente probatorio sulle cause del crollo del ponte Morandi. "Non sono rimasta scioccata dalle immagini della corrosione dei cavi - ha detto Egle Possetti, presidente del Comitato parenti vittime uscendo dall'aula -, ma mi sono commossa a rivedere quelle immagini. Per me è stato chiaro sin dal primo momento in che condizioni era il viadotto".

"L'evoluzione in senso peggiorativo - hanno spiegato i periti nella relazione - già manifestatasi nei primi anni di vita del viadotto, era stata intercettata non solo da alcuni tecnici Spea ma dallo stesso progettista dell'opera, l'ingegnere Morandi, prima del 1985. I rilievi mossi fino al 1985 hanno avuto un riscontro modesto. Il livello di monitoraggio cui è stato ed era sottoposto il Viadotto Polcevera, almeno per la parte relativa ai sistemi bilanciati, non era del tutto soddisfacente e nei cassoni non sono più state fatte ispezioni dal 2012".

I periti hanno anche parlato dei suggerimenti proposti dal Cesi (società di consulenza specialistica) e dal professore Gentile "di cui però non si trova riscontro". Infine sul retrofitting i periti hanno ribadito che "l'esecuzione dell'intervento, per come riportato negli elaborati progettuali, avrebbe evitato il crollo con elevata probabilità".