Condividi:


Nuove misure anti Covid, Toti: "Dalle Regioni un no ad altre riduzioni di orario per i locali"

di Redazione

"Più didattica a distanza e test salivari in farmacia", chiede il presidente della Regione Liguria al governo

"Abbiamo chiesto di non intervenire penalizzando ulteriormente i locali pubblici con altre riduzioni di orario", scrive suoi suoi social il governatore della Liguria e vice presidente della Conferenza delle Regioni Giovanni Toti dopo il vertice di domenica mattina con il Governo per discutere delle nuove misure per contenere il contagio da Covid 19. Toti chiede anche "più di didattica a distanza a rotazione per i ragazzi degli ultimi anni. La Liguria già usa i bus turistici dove si può e dove è utile, ma per alleggerire i mezze serve anche scaglionare ingressi nelle scuole e nei luoghi di lavoro". Dalle regioni, secondo Toti, sarebbe invece arrivato un via libera alla chiusura dei ristoranti entro le ore 24. 

"Le Regioni hanno proposto al Governo anche di non chiudere le palestre, di coinvolgere i medici di famiglia nei tamponi rapidi, come già succede in Liguria, e di svolgere i test salivari in farmacia", continua Toti. "Proposte di buonsenso che speriamo vengano accolte".