Nelle periferie di Genova si muore di più, Crivello: "Numeri preoccupanti"

di Marco Garibaldi

Richiesta dal consigliere comunale la riattivazione dell'osservatorio ambiente-sanità

Attivazione dell'osservatorio ambiente-sanità e convocazione di una commissione dedicata al tema della mortalità differenziata per quartieri. Queste sono le richieste portate avanti dal consigliere comunale Gianni Crivello ieri in consiglio comunale.

L'attenzione su questo tema nasce da uno studio scientifico epidemiologico ambientale riferito alla nostra città che evidenzia come il tasso di mortalità sia frammentato nei diversi quartieri del capoluogo ligure. Un'occasione per chiedere dunque l’attivazione dell’osservatorio ambiente-salute del comune, presente dal 2009 ma, forse, convocato troppe poche volte.

"Dopo aver appreso di questo studio ho ritenuto di dover sottoporre all'attenzione dell'amministrazione quest'aspetto - spiega Gianni Crivello - È una ricerca che sottopone all'attenzione della comunità dei numeri che sono preoccupanti rispetto ad una sorta di dicotomia tra realtà cittadine nella nostra Genova. In alcune realtà la mortalità è notevolemente superiore. Questo tema va approfondito, arricchito e studiato e quindi ho chiesto alla giunta la riunione di una commissione sul tema e poi riavviare finalmente l'osservatorio ambiente-salute che era stato nominato nel 2009 da Marta Vincenzi, nel 2016 la nostra giunta lo rinnovò e credo non si sia convocato. Questa è un'occasione che parte da dati preoccupanti ma è importante".