Liguria, parco giochi annuncia il green pass e viene coperto di insulti: "Morite, vergogna"

di Alessandro Bacci

Oltre 200 messaggi apparsi sui social: "Fascisti", "Nazisti", "Anticostituzionali". La titolare: "Siamo chiusi da diciotto mesi, dobbiamo lavorare"

"Morite", Vergogna" e "Fallirete tutti": sono alcuni degli oltre 200 messaggi di odio che nelle ultime scorse hanno investito la pagina social di un parco giochi al coperto di Taggia (Imperia), "La Fabbrica di Pillow", dopo un post in cui si annunciava che dal 6 agosto sarebbe stato necessario esibire il green pass per entrare.

"Un annuncio che abbiamo pubblicato a titolo informativo - commenta la titolare Federica Longordo - e da allora è partita una raffica di insulti e minacce, provenienti soprattutto da profili falsi creati a regola d'arte. Nel giro di un pomeriggio, ieri, ne ho cancellati oltre duecento e sono stata costretta a limitare i commenti".

"Fascisti", "Nazisti", "Anticostituzionali", sono altri commenti molto ricorrenti. "Ci siamo limitati a bloccare i commenti e a segnalare queste persone o a bloccarle, ma abbiamo saputo che esistono dei gruppi Facebook ai quali vengono dati i nostri profili, con il compito di attaccarli. Hanno anche pesantemente insultato i nostri clienti, che ci sostenevano". Senza contare i messaggi privati.  Conclude Longordo: "Siamo chiusi da diciotto mesi, dobbiamo lavorare. Non abbiamo fatto altro che attenerci alla normativa imposta, non capiamo il perché di tutto questo odio".