Condividi:


La Spezia, l'allarme di bar e ristoranti: "Affari diminuiti dell'80%, così è la fine"

di Redazione

Viaggio tra i locali del centro, tra disillusione e speranza. "Le proviamo tutte, ma la gente è spaventata da un eventuale lockdown"

Nel centro della Spezia, i titolari di bar e ristoranti stanno provando di tutto per cercare di tirare avanti, ma la chiusura obbligata alle 18 ha dato davvero un duro colpo.

"Togliendo la possibilità di fare gli aperitivi ad un bar, soprattutto nelle vie del centro, gli si fa un grave danno. In questi giorni i clienti sono diminuiti del 70%-80%", spiega Sonia, del bar La Réserve. "Noi proviamo ad inventardi nuove iniziative, tipo anticipare l'ora dell'aperitivo, ma la gente è spaventata, non ha voglia di spendere e di uscire. Hanno paura di un nuovo lockdown"

"Rispettiamo il decreto e dalle 18 facciamo solo asporto e consegne a domicilio, ma la situazione è grave qui in città", spiega un altro esercente. "Sono misure che colpiscono bar, ristroranti e palestre, ma alla fine si ripercuotono su tutte le attività"