La capitaneria indaga su un furto di gasolio e scopre una produzione di marijuana a Imperia

di Alessandro Bacci

Un uomo è stato arrestato perché sorpreso a rubare gasolio, sequestrati più di 500 litri di carburante venduto a tariffa agevolata

La capitaneria indaga su un furto di gasolio e scopre una produzione di marijuana a Imperia

Uno dei membri dell'equipaggio del battello disinquinante di Imperia è stato arrestato dalla guardia costiera, in un'indagine coordinata dal procuratore di Imperia, Alberto Lari, con il sostituto Francesca Buganè Pedretti, perché sorpreso a nascondere, nel proprio veicolo di trasporto, del gasolio sottratto all' imbarcazione. I

n seguito alla perquisizione di un immobile adiacente la casa dell'uomo, i militari hanno scoperto un laboratorio per la coltivazione di marijuana, sequestrando 500 grammi circa di "erba" e quattro piante. Riguardo il furto di gasolio, è stato indagato in stato di libertà anche un ex membro dell'equipaggio della stessa imbarcazione.

Dopo alcuni mesi di indagini, con appostamenti e pedinamenti, all'alba di oggi è scattato il blitz, con diverse perquisizioni avvenute in località appartenenti al circondario marittimo di Imperia, che hanno interessato le abitazioni, i mezzi di trasporto, i magazzini e alcuni fabbricati nella disponibilità dei due indagati. Sono stati così individuati e sequestrati più di 500 litri di carburante venduto a tariffa agevolata, ovvero senza imposta di fabbricazione e sottratto al battello disinquinante, con un danno alla società affidataria del servizio di disinquinamento marino.