Imbrattato il palazzo di Regione Liguria: "Fuori i fasci da Genova"

di Alessandro Bacci

Sul fatto indaga la Digos, "cassa e reddito per tutti" l'altra scritta apparsa nella notte in piazza De Ferrari

Imbrattato il palazzo di Regione Liguria: "Fuori i fasci da Genova"

Scritte questa notte sul palazzo della Regione Liguria. "Fuori i fasci da Genova" e "cassa e reddito per tutti" è stato scritto con vernice rossa sui grandi vetri della Sala Trasparenza, la sala stampa nei locali al pianterreno dell'edificio storico sede della Regione, nella centrale piazza De Ferrari a Genova. Sul posto la Digos che ha acquisito le telecamere di sorveglianza dell'edificio.

Antifascismo e lavoro sono tra i temi che saranno portati in piazza questo pomeriggio nell'ambito del corteo per ricordare i fatti del 30 giugno organizzato come ogni anno da Genova antifascista. Il corteo partirà intorno alle 18 da piazza Alimonda per percorrere piazza Tommaseo, Brignole, via XX settembre e concludersi proprio in piazza De Ferrari.

"E' un gesto che si qualifica da solo, perché compiuto da chi non ha il coraggio delle proprie azioni e rifugge dal confronto dialettico". Così il presidente del Consiglio regionale della Liguria Alessandro Piana oggi pomeriggio a Genova esprime "la ferma condanna dell'assemblea legislativa della Liguria contro il gesto intimidatorio compiuto questa notte da ignoti che hanno imbrattato con spray rosso i vetri della Sala della Trasparenza in piazza De Ferrari a Genova. È opportuno che tutte le istituzioni democratiche, che rappresentano ogni cittadino, reagiscano con fermezza a gesti come questo, ribadendo il diritto di libertà e democrazia - conclude -, pietra fondante della Repubblica italiana".