Gru del Nuovo Ponte trancia cavo alta tensione, boato e lampo in Valpolcevera

di Michele Varì

Gli operai, in attesa della messa in sicurezza, allontanati dall'area dello scoppio. Chiusa via Fillak

Gru del Nuovo Ponte trancia cavo alta tensione, boato e lampo in Valpolcevera

Un boato, un lampo e poi un black out elettrico che ha lasciato al buio Certosa, altro incidente questa sera nel cantiere del Nuovo Ponte sul Polcevera, lato levante, dalle parti di via Fillak.

A provocare il corto circuito l'urto di un braccio di una delle gru del cantiere contro un filo elettrico di alta tensione da 130 mila volt. Subito dopo la zona è stata avvolta da una nuvola di fumo.

Decine le chiamate di cittadini ai centralini dei pompieri e della polizia locale.


Sul posto due squadre di vigili del fuoco della centrale di San Benigno che hanno avviato gli accertamenti per capire e ricostruire cosa è accaduto.

L'area del cantiere intorno alla gru, in attesa della messa in sicurezza, è stata evacuata allontando gli operai che vi stavano lavorando.

Sul posto inviata per precauzione anche un'ambulanza del 118: ma il lampo non ha provocato feriti. Solo paura anche per il conducente della gru, molto scosso dall'accaduto.

Per consentire la messa in sicurezza via Fillak è stata chiusa e sarò riaperta solo domani, domenica 10 maggio.

Molta paura fra gli abitanti e i rari commercianti nei locali, come si legge sui social, in special modo nella pagina di Certosa: una negoziante che stava sanificando il suo locale è uscita in strada con il cuore in gola, il botto si è sentito sino a Sampierdarena, in via dei Landi, molti hanno riferito di avere visto un lampo e sentito un forte boato, non manca chi ha ripensato alla tragedia del 2018, "non ci facciamo mancare nulla".