Giochi Preziosi, l'allarme: "Ho 5.500 container fermi nei porti della Cina"

di Alessandro Bacci

Il patron del Genoa: "Per sbloccare le navi invece di 10 milioni ora ce ne vogliono 60. In gioco c'è la campagna per il Natale"

Giochi Preziosi, l'allarme: "Ho 5.500 container fermi nei porti della Cina"

"Ho 5.500 container fermi nei porti della Cina".È l'allarme lanciato al “Corriere della Sera” da Enrico Preziosi, patron della Giochi Preziosi e del Genoa, riguardo alla gravissima situazione in atto nei porti cinesi.

"Per sbloccare le navi e ricevere la merce le compagnie asiatiche ci chiedono di pagare cifre astronomiche: invece dei circa 10 milioni che abbiamo sempre versato per queste spedizioni, ora ce ne vogliono più di 60 - sottolinea il presidente del Genoa - Ci tengono in ostaggio dicendo che non ci sono navi a sufficienza da inviare in Europa. E in gioco per noi c’è la campagna di vendite di giocattoli per il Natale, che dovranno essere nelle vetrine già a ottobre. Ho 2.400 dipendenti tra Italia ed Europa e un piano importante di investimenti nella Penisola. Non voglio che siano messi a rischio, quindi sto pagando".