Condividi:


Genova, tenta di pagare una prostituta con la cocaina, al rifiuto la rapina

di Redazione

L'uomo è stato arrestato, la donna è stata anche aggredita ma è riuscita a fuggire. Una vicina di casa ha sentito le urla e ha chiamato la polizia

La Polizia di Sato di Genova ha arrestato per rapina e tentato sequestro di persona, un cittadino marocchino di 48 anni, pregiudicato. Nelle prime ore del mattino è giunta alla centrale operativa la segnalazione di un'aggressione ai danni di una donna a San Fruttuoso. Gli agenti hanno trovato la donna in lacrime, con una vistosa ferita sulla fronte e che ha riferito di essere stata rapinata del telefono cellulare. Sul posto è stato rintracciato immediatamente anche l’aggressore che aveva il telefono della donna nella tasca dei pantaloni. In un’altra tasca sono stati trovati 10 euro sporchi di polvere bianca.

La donna, che per sopravvivere deve prostituirsi, ha pattuito un incontro con l'uomo attraverso una bacheca online. Giunta nella sua abitazione lui le ha proposto di sniffare della cocaina, già pronta in una banconota arrotolata da 10 euro, al posto del compenso in denaro. Dopo il rifiuto, la donna ha tentato di dirigersi verso la porta d'ingresso per andarsene via, l'uomo le ha preso il cellulare di mano iniziando a strattonarla violentemente per farla rimanere. Finalmente uscita dalla porta, il 48enne l'ha inseguita per le scale e l'ha presa per i capelli facendole colpire la fronte ed il viso contro la ringhiera e facendola cadere. Con la forza della disperazione la donna è riuscita ad arrivare in strada dove una cittadina ha sentito le sue urla e capendo quanto stesse succedendo ha chiamato la Polizia. L’uomo, su disposizione del Magistrato, è stato accompagnato al carcere di Marassi.

(Foto d'archivio)