Condividi:


Genova, insulti sessisti a una cronista nella manifestazione "No green pass"

di Alessandro Bacci

Un'escalation partita con lanci di monetine, insulti e minacce rivolte ai giornalisti presenti. Non un episodio isolato ma l'ultimo di una serie

Contestazioni sessiste al corteo contro il Green pass nei confronti di una cronista in piazza a Genova per documentare la manifestazione, contro la certificazione verde prevista dal governo e obbligatoria dal 6 agosto. È successo ieri pomeriggio durante il corteo non autorizzato nel centro nel capoluogo ligure, dopo un'escalation partita con lanci di monetine, insulti e minacce rivolte ai giornalisti presenti. Non un episodio isolato ma l'ultimo di una serie che ha caratterizzato le ultime manifestazioni di piazza.

Sul caso sono intervenuti anche l'ordine dei giornalisti della Liguria e il sindacato ligure dei giornalisti. "Continuano a ripetersi - si legge in una nota - le manifestazioni intimidatorie e di contestazione da parte dei manifestanti anti-green pass che hanno per bersaglio i giornalisti. A Genova tra lanci di monetine e insulti si è ripetuto l'indegno copione di chi ha insofferenza per la libertà di informazione e il diritto di cronaca. L'Ordine dei giornalisti della Liguria e l'Associazione Ligure dei Giornalisti condannano severamente questi episodi tesi a creare un clima di intolleranza e intimidazione ed esprimono solidarietà ai colleghi impegnati a garantire una informazione puntuale ed obiettiva al servizio dei lettori".