Condividi:


Genova, due gabbiani morti dopo aver ingerito ami da pesca

di Redazione

Episodi simili sempre più frequenti. Inutili i tentativi di salvarli da parte dell'ENPA: "Grazie a chi continua a violentare il mare"

Due gabbiani reali morti nel giro di pochi giorni a Genova a causa degli ami da pesca. Le foto sono state pubblicate dall'ENPA sui social e mostrano i due gabbiani deceduti dopo atroci sofferenze. Le lenze dei pescatori e soprattutto gli ami sono un pericolo sempre maggiore per la fauna marina, non solo all'interno dell'acqua ma anche, come in questo caso, per i volatili. 

"Nel giro di pochi giorni, due giovani gabbiani reali sono stati portati al CRAS per lo stesso motivo: avevano ingerito degli ami da pesca, "omaggio" di qualche gentile pescatore al nostro mare. Un mare già sovrasfruttato, inquinato, trattato come una pattumiera e straziato in altri mille modi diversi, ma che per alcuni continua a essere solo un parco divertimenti dove lanciare ami. I gabbiani erano già molto debilitati, gli ami erano conficcati all'interno dello stomaco e impedivano loro di alimentarsi normalmente da diversi giorni: dopo un lavoro lungo e faticoso, siamo riusciti a estrarli. Purtroppo gli ami avevano già provocato importanti lacerazioni: i gabbiani sono entrambi morti poco dopo gli interventi, deboli, stressati ed esausti. Il secondo amo era addirittura doppio, e quando credevamo di essere riusciti a estrarlo, ci siamo trovati a fare i conti col prolungamento della lenza e col secondo amo, conficcato ancora più in profondità. Un sentito ringraziamento a chi continua a violentare il mare: Madre Natura ce ne renderà merito."