Genova: code all'Acquario, tornano i turisti, anche stranieri

di Andrea Carozzi

Il Porto Antico è preso d'assalto, e per le vie del centro cominciano a fare capolino turisti provenienti dal nord Italia, Francia e Svizzera

Passeggiando per la zona del Porto Antico e per le vie del centro storico di Genova,  il lockdown sembra ormai un lontano ricordo, se non fosse per le mascherine chirurgiche indossate dalla maggior parte delle persone che affollano le vie della città vecchia in una domenica che non lascia troppo spazio al bel tempo.

La coda per accedere all’Acquario di Genova comincia dal Bigo e come ci confermano all'Ufficio Iat del Porto Antico per passare un pomeriggio in compagnia di foche, squali e pinguini occorre passare in coda all’incirca un’ora. “Sembra il periodo pasquale” ci racconta l’addetta che troviamo all’infopoint, prima di sottolineare come nell’ultima settimana si sia registrato un forte aumento di turisti provenienti dal nord Italia e non solo: “ci sono anche molti svizzeri e molti francesi”.

La ripresa del turismo ci viene confermata anche presso gli uffici della biglietteria dei Musei di Strada Nuova in via Garibaldi che segnala la presenza di turisti provenienti da Piemonte e Lombardia, ma anche di francesi e di qualche orientale. “Abbiamo aperto da poco ma l’afflusso è molto buono e i numeri sono in crescita” ci racconta - la responsabile dell'info point - “speriamo che il trend sia costante”.

Genovesi e turisti sembrano così essere tornati a vivere la Superba e le sue attrazioni in attesa di lasciarsi definitivamente alle spalle la pandemia da Covid-19.