Genova, arrestato baby boss: taglieggiava gli adolescenti di San Fruttuoso

di Michele Varì

Diciassettenne pretendeva soldi in cambio di protezione. I ragazzi per paura non uscivano di casa e nascondevano il denaro nei calzini

Terrorizzava e imponeva il pagamento del pizzo ai ragazzini di San Fruttuso e Marassi costringendoli a consegnarli la paghetta o anche i pochi spiccioli che avevano in tasca.

Un diciassettenne albanese fra luglio e agosto ha commesso una dozzina di rapine in danno di adolescenti fra piazza Martinez, piazza Galileo Ferraris e la Madonna del Monte.

Il piccolo boss, spalleggiato da alcuni connazionali da lui plagiati (per questo non indagati), minacciava i ragazzi e si faceva consegnare i soldi che avevano in tasca. 

Alcune vittime per la paura non frequentavano più le due piazze e la Madonna del Monte.

Il loro incubo è finito con l'arresto del 17enne in flagranza di reato da parte dei poliziotti della squadra investigativa del commissariato di San Fruttuoso diretto dal dirigente Maria Teresa Canessa che hanno anche ottenuto un ordine di custodia cautelare da parte della procura dei minori.

Il boss è stato fermato mentre stava rapinando due ragazzini in un kebab di via G.B.d'Albertis.

All'indagine ha contribuito il presidente del Municipio Bassa Valbisagno Massimo Ferrante che h raccolto le confidenze di alcuni ragazzini e convinto le famiglie delle vittime a sporgere denuncia.