Elezioni Liguria, Tajani (FI): “Fidanzamento in fase avanzata con Liguria Popolare”

di Antonella Ginocchio

Il vicepresidente di Forza Italia ha incontrato Maurizio Lupi, referente nazionale di Liguria Popolare: si parla di un'unica lista con due simboli

Forza Italia e Liguria Popolare, il movimento civico che in Liguria fa capo ad Andrea Costa, correranno insieme, con un’unica lista, per le elezioni regionali di settembre. Il “matrimonio”, prevederebbe il doppio simbolo. L’ufficializzazione è attesa già nelle prossime ore. Intanto il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, ha confermato a Telenord che “Il fidanzamento con Liguria Popolare  è in fase avanzata”. Tajani, raggiunto telefonicamente, ha anche aggiunto che sono in atto degli incontri e che l’accordo dovrebbe essere affinato al più presto. Durante questi incontri Liguria Popolare è rappresentata dal suo referente a livello nazionale, l’onorevole Maurizio Lupi.

Intanto a livello ligure, la “trattativa” è in mano, per quanto concerne Forza Italia,  al coordinatore regionale, Carlo Bagnasco che fin dal suo insediamento, non ha nascosto il suo obiettivo. “Forza Italia deve ritornare ad essere la casa dei moderati”, ha detto in diverse occasioni Bagnasco, con il chiaro intento di rilanciare il partito in Liguria, dove, nei mesi scorsi, sono stati nominati i nuovi coordinatori provinciali e dove sono state aperte nuove sedi, compresa quella di Genova, dislocata su più piani.

Da questo matrimonio Forza Italia vuole uscire rafforzata, cercando così di ottenere uno spazio più importante in seno al centrodestra che, tra l'altro,  nei giorni scorsi ha votato le modifiche alla legge elettorale, che prevede l'abolizione del listino e la doppia preferenza di genere. Ma la modifica, a meno di due mesi dalle elezioni, ha scompaginato gli accordi. E Forza Italia, al pari di Liguria Popolare, pur avendo votato la modifica per “spirito di coalizione” non ha nascosto un certo disappunto per questa modifica in zona cesarini. “Voluta, credo, soprattutto dai partiti che si ritengono più forti”, ha detto Bagnasco ai microfoni di Telenord, evidenziando anche che non son questi i problemi che più stanno a cuore ai cittadini.