Condividi:


Culmv, il 30 giugno scade il contratto di 95 lavoratori: sindacati in allarme

di Edoardo Cozza

Felsa Cisl, Nidil Cgil, Uiltemp Uil: "A rischio 95 posti di lavoro, serve una soluzione subito". E preannunciano lo stato di agitazione

Il prossimo 30 giugno scadrà il contratto di somministrazione che vede impegnati 95 lavoratori presso la Compagnia Unica Paride Batini. "Alla luce delle recenti notizie di stampa che gettano ombre sulla sostenibilità e continuità dei rapporti di lavoro in essere - scrivono in una nota Felsa Cisl, Nidil Cgil, Uiltemp Uil - i sindacati sono fortemente preoccupati per il futuro occupazionale di questi lavoratori. Si tratta di lavoratori altamente specializzati, con una età media compresa tra i 35 e 40 anni con carichi familiari che in questi anni hanno contribuito al raggiungimento di importanti obiettivi di produttività".

Felsa Cisl Nidil Cgil Uiltemp Uil chiedono che "tutti i protagonisti di questa vicenda si incontrino urgentemente per risolvere positivamente la vertenza a tutela dei lavoratori e delle attività portuali" e preannunciano lo stato di agitazione e si riservano di valutare un eventuale sciopero generale dei lavoratori somministrati presso CULMV.