Covid, Bonsignore: "Santi non è un medico riconosciuto. Aspettiamo le indagini delle Procure"

di Matteo Angeli

"Ha detto e fatto cose che ben tre procure stanno valutando, sono in corso procedimenti penali con diversi capi di imputazione".

Covid, Bonsignore: "Santi non è un medico riconosciuto. Aspettiamo le indagini delle Procure"

Le parole pronunciate oggi da Roberto Santi, il medico sospeso dall'Ordine per le sue posizioni No Vax, stanno ovviamente facendo discutere.

"Ringrazio l’Ordine per avermi sospeso perchè non mi riconosco nel suo potere. L’esonero è un diritto! Le donne gravide non devono essere vaccinate...Io non sono no vax e neppure si vax... sono vax se...Dal Covid si guarisce, dal vaccino no...". (CLICCA QUI)

Netta la posizione dell'Odine dei Medici della Liguria. "Santi parla come libero cittadino, dal momento che non è riconosciuto come medico - il commento del presidente Alessandro Bonsignore - e quindi di fatto può dire ciò che vuole. Diverso invece il discorso legato al passato quando era di fatto un dottore. Ha detto e fatto cose che ben tre procure stanno valutando, sono in corso procedimenti penali con diversi capi di imputazione".

Santi rischia di andare a processo per le false certificazioni, procurato allarme e anche epidemia dolosa .

Nei mesi scorsi l'Ordine di Medici di Genova lo ha sospeso perché avrebbe prodotto diversi certificati di esenzione per l’uso della mascherina senza visitare i pazienti. Esoneri che, in genere, erano giustificati per la presenza di malattie respiratorie genetiche.

Santi, che è stato anche medico del carcere di Chiavari, assessore a Sestri Levante nella seconda metà degli anni '90 ma anche epidemiologo presso la Asl 2 di Sanremo, responsabile dell'igiene dell'ambiente ed esperto nelle patologie correlate, poi aiuto del direttore Sanitario e responsabile della formazione, non si arrende e continua a sostenere le sue tesi.